Convinti sostenitori della centralità dei giovani nel processo di integrazione europea, siamo impegnati in progetti di mobilità europea utilizzando in particolar modo i programmi comunitari “LIFELONG LEARNING” e “Youth in Action”.

Operando in ambito sia regionale che nazionale ci rivolgiamo quindi, come nostri interlocutori privilegiati, ai soggetti pubblici e privati che all’interno della propria mission riconoscono l’importanza strategica della mobilità europea come elemento di punta nelle azioni e nei servizi di accompagnamento e avvio al lavoro dei giovani.

Attraverso il menù a SX potete visitare le pagine di tutti i progetti da noi realizzati.

“Lifelong Learning”

Il Programma d’azione comunitaria nel campo dell’apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del Consiglio il 15 novembre 2006, e riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione dal 2007 al 2013. Ha sostituito, integrandoli in un unico programma, i precedenti Socrates e Leonardo, attivi dal 1995 al 2006. Il suo obiettivo generale è contribuire, attraverso l’apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell’ambiente per le generazioni future (Strategia di Lisbona).

Nell’ambito del suddetto Programma Comunitario siamo attivi nel Programma settoriale “LEONARDO DA VINCI” Azione Mobilità transnazionale, che un Italia è attuato dall’Isfol – Agenzia Nazionale Leonardo.

Le azioni di Mobilità si articolano in tre Misure specifiche:

  1. Mobilità rivolta a persone in formazione professionale iniziale (IVT)
  2. Tirocini transnazionali in imprese o organismi di formazione per persone disponibili sul mercato del lavoro (PLM)
  3. Mobilità per professionisti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale (VETPRO)

1) Tirocini transnazionali in impresa o in istituti di formazione per persone in formazione professionale iniziale (IVT)

L’azione Mobilità rivolta a persone in formazione professionale iniziale all’interno del programma settoriale Leonardo da Vinci intende sostenere la mobilità transnazionale di persone in formazione ed istruzione professionale iniziale.

Il tirocinio formativo per persone in formazione professionale iniziale consiste in un periodo di formazione professionale e/o un’esperienza di lavoro intrapresa da un beneficiario (apprendista, alunno, tirocinante, etc in formazione professionale iniziale) in un’impresa o in un istituto di formazione in un altro paese partecipante.
I singoli beneficiari ricevono un contributo nel quadro di un progetto di mobilità gestito da un organismo coordinatore. I beneficiari non possono richiedere direttamente un contributo alle Agenzie nazionali.

Nell’ambito del progetto si stabilisce una cooperazione tra istituti di formazione ed imprese.

Nell’ambito di questa misura, beneficiano dei contributi le persone in formazione professionale iniziale (apprendisti, alunni in formazione professionale, tirocinanti eccetto quelli in istruzione superiore)

2) Tirocini transnazionali in imprese o organismi di formazione per persone disponibili sul mercato del lavoro (PLM)

L’azione tirocini transnazionali in imprese o in istituti di formazione del programma settoriale Leonardo da Vinci intende sostenere la mobilità transnazionale dei lavoratori, dei lavoratori autonomi o persone disponibili sul mercato del lavoro (compresi i laureati) che vanno a realizzare un periodo di formazione all’estero in un contesto di formazione professionale.
Il tirocinio formativo è considerato come un periodo di formazione professionale e/o esperienza di lavoro intrapresa da un beneficiario presso un’organizzazione partner in un altro paese partecipante. I singoli beneficiari ricevono un contributo nel quadro di un progetto di mobilità gestito da un organismo coordinatore. I beneficiari non possono richiedere direttamente un contributo alle Agenzie Nazionali.

Nell’ambito di questa misura, beneficiano dei contributi le persone sul mercato del lavoro (lavoratori, lavoratori autonomi o persone disponibili sul mercato del lavoro – compresi i laureati – che svolgono un periodo di formazione all’estero in un contesto di formazione professionale)

3) Mobilità per professionisti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale (VETPRO)

L’azione Mobilità per professionisti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale all’interno del programma settoriale Leonardo da Vinci intende sostenere la mobilità transnazionale di persone responsabili di formazione professionale e/o risorse umane.
Un progetto di mobilità per professionisti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale è incentrato sul trasferimento, miglioramento ed aggiornamento di competenze e/o metodi innovativi e prassi nel settore della formazione professionale.
Il progetto può inoltre riguardare la formazione linguistica dei professionisti.

I singoli beneficiari ricevono un contributo nel quadro di un progetto di mobilità gestito da un organismo coordinatore. I beneficiari non possono richiedere direttamente un contributo alle Agenzie nazionali.
Nell’ambito di questa misura, beneficiano dei contributi i professionisti in istruzione e formazione professionale (insegnanti, formatori, personale che si occupa di formazione professionale, consulenti di orientamento, responsabili di istituti di formazione, responsabili della programmazione della formazione e dell’orientamento occupazionale all’interno delle imprese, responsabili delle risorse umane all’interno delle imprese)

Gioventù in Azione

È un programma della Commissione Europea – Direzione Generale Istruzione e Cultura che promuove l’educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale attraverso gli scambi e le attività di volontariato all’estero, l’apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani di età compresa tra i 13 e i 30 anni.
In Italia è attuato dalla Agenzia Nazionale per i Giovani.

L’Autorità Nazionale del programma è il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nell’ambito del suddetto Programma Comunitario siamo attivi nelle seguente azioni:

Azione 1 – Gioventù per l’Europa

Azione secondaria 1.1 – Scambi di giovani
Gli Scambi di giovani permettono a gruppi di giovani di Paesi diversi di incontrarsi e di conoscere le rispettive culture. Lo scambio è progettato dai ragazzi stessi sulla base di un tema di interesse comune.
Azione secondaria 1.2 – Iniziative giovani
Questa Azione secondaria sostiene iniziative di gruppo concepite a livello locale, regionale e nazionale. Promuove, inoltre, la costituzione di reti di progetti simili tra vari Paesi, per rafforzarne il carattere europeo e per moltiplicare la cooperazione e lo scambio di esperienze tra i giovani.

 Azione 2 – Servizio Volontario Europeo

Lo SVE offre ai giovani dai 18 ai 30 anni un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto informale, promuovendone l’integrazione sociale e la partecipazione attiva. I giovani possono svolgere, infatti, un’attività di volontariato all’estero per un periodo che va da 2 a 12 mesi, adoperandosi come “volontari europei” in progetti locali in vari settori: dall’ambiente all’arte, dalla cultura alle attività sociali, dallo sport al tempo libero. Attraverso questa esperienza i giovani hanno l’opportunità di esprimere solidarietà verso gli altri e acquisire nuove competenze utili alla loro formazione personale.